Bed and Breakfast in Toscana, Chianti, vicino Firenze | Ancora del Chianti

Perchè Ancora del Chianti?

Perchè Ancora del Chianti?

Il Chianti è una terra generosa conosciuta per il suo bel paesaggio, i piacevoli soggiorni in agriturismo e il famoso vino. Oltre a questo il Chianti è stato anche terra di partenza, di ispirazione e di ritorno per tanti personaggi che hanno cambiato il corso della storia.

Il nome Ancora del Chianti ci ricorda che qui è possibile fare incontri sorprendenti.....

Il primo cittadino di New York:
Giovanni da Verrazzano (Greve in Chianti, 1485 – Brasile 1528), incaricato dal re Francesco I di Francia di esplorare le coste dell’America settentrionale e di trovare un passaggio verso le Indie, nel 1524, scoprì la baia di New York e il fiume Hudson, arrivando fino alla Nuova Scotia. A lui verrà dedicato il Verrazzano Bridge e una piccola statua a Battery Park, alla cui base è scritto "A Giovanni da Verrazzano, il primo cittadino di New York".

Colui che dette il suo nome a un continente:
Amerigo Vespucci (Firenze 1454 – Siviglia 1512) visse a Montefioralle e qui venne sepolto l’ultimo discendente della sua famiglia. Figlio di un notaio fiorentino, nel 1489 si trasferì a Siviglia dove conobbe Cristoforo Colombo e partecipò all'allestimento del suo terzo viaggio. L'importanza di Amerigo Vespucci sta nelle sue lettere e intuizioni: da esse il pubblico europeo riceve per la prima volta informazioni relative all'America, il nuovo continente.

Il sorriso della Gioconda:
Leonardo da Vinci (Vinci 1452 – Amboise 1519) : celebre pittore, architetto, ingegnere, inventore del Rinascimento, durante il suo soggiorno a Vignamaggio, ospite del mercante fiorentino Francesco del Giocondo tra il 1503 e il 1506, dipinge la “Gioconda”, unica opera che l’artista decide di portare con sé durante l’esilio in Francia.

Un “Principe” machiavellico:
Niccolò Machiavelli (Firenze 1469 – 1527) scrittore, storico e uomo politico rinascimentale al ritorno dei Medici a Firenze si ritira nei suoi possedimenti di Sant'Andrea in Percussina, presso San Casciano Val di Pesa, dove termina “Il Principe”.

 
 
© 2014 | powered by dotflorence.com | SmartHotel Project