Bed and Breakfast in Toscana, Chianti, vicino Firenze | Ancora del Chianti

Il Giardino: Armonia per l'Anima

Il Giardino: Armonia per l'Anima

Il grande interesse per la botanica e i buoni consigli degli amici hanno portato Laura a creare un giardino adatto ad un clima secco, con continue fioriture durante tutto l'anno, che si sposa con naturalezza alle vigne, all'oliveta e al paesaggio circostante. In più la passione per le rose antiche che coltiva da anni ha permesso di aggiungere un tocco retrò e delicato alla rusticità circostante.

Il giardino dispone anche di una spaziosa e tranquilla zona solarium dove troverete sdraio, lettini e le comode amache che invitano al “Dolce far Niente”: lasciatevi cullare dal canto degli uccelli ammirando di tanto in tanto il paesaggio mozzafiato e gli scorci di campagna circostante dove coloniche, castelli e piccoli borghi sono incastonati nel continuo susseguirsi di filari di viti e olivete.

La danza delle stagioni:
All'Ancora del Chianti la primavera ci dà il benvenuto con i prati ricoperti di anemoni, narcisi, tulipani e gladioli selvatici.

Wild OrchidDi particolare suggestione le orchidee selvatiche e le vermiglie fioriture dei papaveri. A maggio le rose  ci sorprendono per l'abbondanza di fiori, colori e profumi.

Si prosegue con la fioritura degli iris, fiore tipico del paesaggio chiantigiano, e delle altee che ci terranno compagnia fino all'autunno.

In estate abbiamo gerani, i garofani, l'esuberante lavanda, l'esotica passiflora e la sorprendente poinciana.

A seguire dalieaster e topinambur e la sorpresa degli amarillys selvatici che spuntano da ogni dove.

A ottobre la natura si congeda con il fiammeggiare delle vigne dal giallo oro al rosso rubino per poi risvegliarsi a primavera.

IrisE poi come non ricordare i mandorli che annunciano la primavera, la frescura estiva all'ombra del noce, i frutti aspri del nespolo, l'argenteo scintillio degli olivi, la maestosità dei cipressi, le copiose fioriture dei ciliegi al parcheggio, i doni dorati degli albicocchi, le amache sotto le chiome dei susini, le acacie dai profumati fiori bianchi e rosa, i generosi fichi, e i vecchi meli cotogni.

La nepitella (calamintha nepeta) e la menta (mentha pulegium), crescono ovunque, nei prati, tra le pietre, ai bordi della strada e saprete riconoscerne la presenza anche di notte...calpestandole al chiar di luna: la loro fragranza si sprigionerà al vostro passaggio.

I colori e i profumi dell'Ancora vi aspettano!!!!!

Le regine dell'Ancora del Chianti: la collezione di rose. Ecco le vere protagoniste del giardino:

RosesBianco: la cascata bianco candido dell'Iceberg rampicante (Kordes, 1958), il bianco - giallo tenue della Crocus Rose di David Austin (Ausquest), le bianco-rosa porcellana dell'Aspirin Rose (Tantau, 1995), l'allegro bianco con riflessi rosa e giallo violaceo di Peace (Meilland, 1942);

Giallo: il giallo tenue del Canicule (Tantau, 1993) e l'esplosione di Spek's Yellow (Verschuren, 1965) della la gialla eleganza della Graham Thomas  (Austin – Ausmas);

Arancio: il rosa aranciato della profumatissima Augusta Louise (Tantau, 1999) e l'arancio fuoco con Sahara (Tantau, 1996) e le sorprendenti Emeraude d'Or (Dalbard, 1965): gialle in boccio, rosa fino a completa fioritura quando si colorano di un arancio intenso, prima di trasformarsi in cremisi e sfiorire.

Rosa: timido rosa di Clair Matin (Meilland, 1960),  rosa confetto delle Queen Elisabeth (Lammerts, 1954), il rosa shocking delle Leonardo da Vinci (Meilland, 1994), dalle generose e compatte fioriture.

La sola Rossa: il rosso profondo e vellutato della Crimson Glory (Kordes, 1935) dall'intenso profumo.

 
 
© 2014 | powered by dotflorence.com | SmartHotel Project